Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Servizi

 

 

Dermatologia Psichiatria

Introduzione

PILLOLE DI SALUTE
Un'opinione comune molto diffusa e dura a morire alimenta il pregiudizio che solo i “matti” debbano rivolgersi all'opera professionale di uno psichiatra.
Secondo il senso comune, “matto” è colui che avendo perso la possibilità di autodeterminarsi e di padroneggiare le proprie emozioni si comporta in modo strano e indecifrabile. È inevitabile che tutto ciò possa spaventare: a maggior ragione, sembrerebbe molto ragionevole che prevenire la possibilità che una cosa del genere capiti proprio a noi sia l'atteggiamento esistenziale migliore possibile.
Invece, come capita di osservare in altre branche della medicina come l'oncologia, l'endocrinologia, la dietologia, anche in campo psichiatrico capita spesso di ascoltare opinioni secondo cui “certe cose accadono sempre agli altri” e che stili di vita “sani” non servano ad avere la meglio sul manifestarsi di alcune malattie.
Prevale, insomma, il convincimento deresponsabilizzato e fatalistico che certe patologie si manifestino soltanto in virtù di una maggiore o minore “sfortuna”.
Rivolgersi ad uno psichiatra quando siamo ansiosi, angosciati senza un'apparente ragione, insonni, svogliati, quando pensiamo che niente nella nostra vita vada come ci aspetteremmo, quando tutto è percepito come incolore, inutile e privo di significato, quando incapaci di coltivare relazioni interpersonali gratificanti ci rifugiamo nel consumo irrazionale di alcolici, di stupefacenti, di gioco d'azzardo o, nel più assoluto isolamento sociale restiamo per ore davanti ad un personal computer immersi nella non-realtà di internet a coltivare l'illusione di risolvere le nostre difficoltà personali rimandandole al giorno successivo; quando ancora ci accorgiamo o, più spesso, qualcuno a noi vicino ci fa notare che stiamo spendendo denaro in quantità maggiore di quello necessario a condurre una vita decorosa, quando ci sentiamo infelici senza conoscerne i motivi, quello è il momento di fare ricorso ad un professionista che ci aiuti a leggere con chiarezza ciò che appare confuso ed indecifrabile.
Lo psichiatra mette a disposizione del paziente uno spazio fatto di accoglienza, ascolto e riflessione per affrontare tutti quei “disagi e dolori dell'anima” che, se ignorati, rischiano di trasformarsi in segni e sintomi di patologia, spesso cronica, della psiche e della personalità.
Una consulenza psichiatrica consente, innanzi tutto, di escludere che la sofferenza psichica possa trarre origine da una malattia organica, ossia del nostro corpo fisico, prima della comparsa di tardivi quanto inequivocabili segni e sintomi fisici.
È indiscutibilmente vero che il tempo è una medicina efficace e risanante (vis sanatrix naturae dicevano gli antichi Romani) ma può capitare che durante l'azione risanante del tempo e della natura, qualcosa aumenti in modo inatteso il livello della sofferenza favorendo la perdita dei confini del proprio sé in un turbine di paure e di confusione che spaventa e preoccupa sia chi ne è colpito che le persone a lui più vicine e rende estremamente complicato qualsivoglia intervento medico.
In fin dei conti, siamo proprio sicuri che l'atteggiamento più sensato, quando compare un malessere psichico, sia quello di aspettare che si manifesti l'inevitabile “esaurimento nervoso”?

Specialisti

Dr. Corrado Ballarini

Spec. Psichiatria e Psicoterapia

Laurea in Medicina e Chirurgia.
Specialista in Psichiatria.
Diploma in Psicodiagnosi Rorschach ed altre tecniche proiettive.
Formazione in Psicoterapia ad indirizzo Psicodinamico.
Formatore Professionale abilitato con Metodiche Outdoor.
Iscritto al Corso di Formazione in Psicoterapia Antroposofica.
Iscritto all'Albo dei Medici Chirurghi di Bologna dal 9/09/1986, con il numero di matricola 10856
Iscritto all’Albo dei Medici Psicoterapeuti dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Bologna dal 24/03/1992.
Iscrito all’Albo dei Consulenti Tecnici del Giudice presso il Tribunale di Bologna dal 26/11/1991.

Servizi

  • Consulenza psicodiagnostica
  • Psichiatria forense
  • Psicoterapia