Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

 

 

Taping Taping

Taping

Il taping attraverso una stimolazione neuromuscolare favorisce la meccanica del gesto atletico e agisce sulla circolazione sanguigna e il sistema linfatico. Il nastro (tape) ha una certa elasticità e densità e si adatta al movimento del muscolo posto in tensione del nastro stesso. E’ in cotone, non impedisce la traspirazione naturale della pelle e utilizza adesivi antiallergici. Non rilascia alcuna sostanza e agisce solo sulla vasodilatazione del muscolo, accelerando quindi il recupero. Il taping viene utilizzato sia sugli atleti che svolgono attività sportiva sia su atleti che svolgono attività riabilitativa:.
 
 
 
  • Applicazione del taping durante l’attività sportiva: lo scopo è quello di evitare degli infortuni a carico di parti del corpo delicate oppure che sono state sottoposte ad infortuni recenti. Infatti le bende servono a ridurre le sollecitazioni, aumentando la stabilità e riducendo il dolore che si potrebbe manifestare a seguito di movimenti normali.
  • Applicazione del taping durante l’attività riabilitativa: lo scopo è quello curativo. Viene utilizzato soprattutto per contrastare gli ematomi e versamenti che si manifestano dopo un trauma, riducendo in questo modo i tempi di recupero.

 

Per realizzare un buon taping è necessario l’intervento del fisioterapista che deve personalizzarlo in base alla posizione sul corpo, alla tipologia di sport, al gesto atletico, alla problematica fisica. .