Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

 

 
Fisioterapia trattamenti strumentali tecarterapia

Cos'è la Tecarterapia?

La Tecarterapia, è un tipo di trattamento elettromedicale, che trova particolare impiego nella cura di traumi e patologie infiammatorie dell'apparato muscolo-scheletrico.
Diffusa soprattutto in ambito fisioterapico, la Tecarterapia prevede l'utilizzo di uno strumento capace di ridurre il dolore (azione antidolorifica) e accelerare la naturale riparazione dei tessuti, laddove ovviamente ci sia un danno.
Il tutto si traduce in un accorciamento tangibile dei tempi di guarigione.

 

Come Funziona?

La Tecarterapia è una forma di termoterapia endogena:
  • La parola "termoterapia" significa "terapia basata sul calore". L'impiego del calore con finalità terapeutiche, soprattutto in presenza di affezioni dolorose muscolari e articolari, è diffuso da diversi decenni. Alcune termoterapie che hanno preceduto la Tecar e che sono in uso ancora oggi sono: l'infrarosso, gli ultrasuoni e il laser (laserterapia).
  • Il termine "endogena" si riferisce al fatto che lo strumento per la Tecar induce la produzione di calore a partire dall'interno del corpo (calore endogeno).
  • L'infrarosso, gli ultrasuoni e il laser, invece, prevedono l'utilizzo di apparecchiature che emettono loro stesse calore. Ciò vuol dire che il calore è esogeno, cioè proviene da una fonte esterna al corpo.
La particolarità del funzionamento della Tecarterapia è che lo strumento in uso stimola la produzione di calore (che è una forma di energia) da parte del soggetto in cura. In altre parole, induce il corpo del paziente a collaborare in modo attivo, per il raggiungimento più veloce della guarigione.

 

Effetti della Tecarterapia:

Gli effetti biologi, prodotti dalla Tecarterapia, sono tre e consistono, brevemente, in:
  • Incremento del microcircolo
  • Vasodilatazione
  • Incremento della temperatura interna
Secondo anche i risultati di numerosi studi scientifici condotti a riguardo, il raggiungimento di tali effetti dipende dalla quantità di energia (livello energetico) che il dispositivo Tecar, per mano del terapeuta, trasferisce alle piastre. Infatti, per ottenere un incremento dei microcircolo, il terapeuta deve impostare lo strumento a un basso livello energetico (atermia); per ottenere la vasodilatazione, deve lavorare a un livello energetico intermedio (medio-termia); infine, per ottenere un incremento della temperatura interna, deve regolare il dispositivo in maniera tale che eroghi un alto livello energetico (ipertermia).

 

A chi è indicato?

In ambito medico, la Tecarterapia trova largo impiego nel recupero da infortuni, quali distorsioni, lesioni tendinee, tendiniti, borsiti, esiti di traumi ossei, distrazioni legamentose e problemi articolari; nel trattamento di patologie muscolari e osteoarticolari, come contratture, stiramenti e strappi muscolari, miositi, lombalgie, sciatalgie, artrosi e infiammazioni osteoarticolari; nei programmi riabilitativi post-operatori, come per esempio dopo gli interventi chirurgici per l'inserimento di una protesi. Ginocchio, spalla, anca, caviglia, piede, mano, polso e colonna vertebrale sono le zone anatomiche che meglio si prestano al trattamento tramite Tecar.

RIEPILOGO DELLE INDICAZIONI TERAPEUTICHE:

Patologie muscolari
• Contratture
• Stiramenti o strappi
• Contusioni
• Edema
Patologie dolorose della colonna
• Lombalgie
• Dorsalgie
• Cervicalgie
Patologie della spalla
• Tendinite e tenosinovite
• Tendinopatie inserzionali
• Capsulite adesiva
Patologie del gomito
• Epicondilite
• Epitrocleite
Patologie del polso e della mano
• Tendiniti e tenosinoviti
• Rizoartrosi
Patologie dell'anca
• Coxartrosi
• Borsite
• Pubalgia
Patologie del ginocchio
• Condropatia rotulea
• Gonartrosi
• Esiti di lesioni traumatiche dei legamenti crociati anteriore e posteriore
• Distorsioni
Patologie della caviglia e del piede
• Esiti di fratture
• Distorsioni
• Fascite plantare
• Tendinite achillea
Riabilitazione post-chirurgica

 

Quanto dura una seduta?

Salvo imprevisti, una seduta dura in genere 20-30 minuti. Di solito, un ciclo completo di Tecarterapia comprende tra la 5 e le 10 sedute totali.

 

Effetti indesiderati:

La Tecarterapia è un metodo di trattamento sicuro, che non comporta effetti collaterali di rilievo. Il surriscaldamento dell'area trattata, anche quando lo strumento eroga un elevato livello di energia, è ampiamente sopportabile.

 

Controindicazioni:

La Tecarterapia non presenta particolari controindicazioni. Le sole persone a cui i medici raccomandano precauzione (e magari il consulto di uno specialista) sono i soggetti portatori di pacemaker, gli individui insensibili alla temperatura e le donne in gravidanza, tumori.