Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

 

 
Fisioterapia trattamenti strumentali idrogalvanoterapia
Questa forma di terapia sfrutta l’azione galvanizzante della corrente elettrica continua; in particolare sfrutta le variazioni di polarizzazione che la corrente allo stato costante induce nei tessuti e nelle strutture eccitabili.
L’idrogalvanoterapia può essere effettuata tramite l’utilizzo di due elettrodi (galvanizzazione) o sostituendo l’elettrodo distale con una bacinella d’acqua (preferibile nel trattamento di segmenti distali degli arti come mani e piedi). Se si immerge in acqua l’elettrodo positivo (anodo), si ottiene un effetto prevalentemente analgesico dovuto all’iperpolarizzazione delle membrane delle strutture eccitabili e ad un aumento della soglia del dolore. Se si immerge in acqua l’elettrodo negativo (catodo), si ottiene un effetto prevalentemente trofico.

 

Indicazioni

L'idrogalvanoterapia è particolarmente indicato per il trattamento di artralgie e artrosi delle piccole articolazioni, esiti di traumatismi, Algodistrofie a carico dei segmenti distali degli arti, Nevriti e sciatalgie (galvanizzazione).