Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

 

 

Menopausa. Prevenzione e cause per vivere in salute e benessere

Menopausa. Prevenzione e cure per vivere in salute e benessere” - primo convegno di “Salute & Benessere vignolese”

VIGNOLA – Formare ed informare. Questo l'obiettivo delle iniziative “Salute & Benessere vignolese”, organizzate da Poliambulatori Riuniti di Vignola (C.F.T. - NEOFISIK) e promosse dall’associazione “dentroailibri". Durante la prima serata, in programma il 9 ottobre scorso nella

splendida cornice della Rocca di Vignola (sala dei Contrari), è stato affrontato il tema della “Menopausa. Prevenzione e cure per vivere in salute e benessere” analizzato sotto molteplici aspetti, grazie all'intervento della Dr.ssa Renata Zanin – Spec. in Ostetricia e Ginecologia, del Dr. Mario De Pretto – Spec. in Fisiatria, del Dr.Stefano Comaggi – Spec. in Chirurgia Vascolare e del Dr. Federico Tollari, Fisioterapista.

L'incontro ha avuto inizio con una presentazione del Centro nella quale sono state illustrate le attività dei Poliambulatori (C.F.T. e NEOFISIK) in cui cooperano quotidianamente medici e specialisti. Nello specifico, il convegno sulla “Menopausa” è stato il primo di una serie di appuntamenti che saranno proposti mensilmente per concedere un servizio aggiuntivo alla cittadinanza vignolese. Sono già presenti in calendario una serata sulla Medicina dello Sport in cui interverranno il Direttore del dipartimento “Medicina dello Sport” di Modena e lo Pneumologo, una sulla Tiroide con l'Endocrinologo e lo specialista di Chirurgia Generale, una sulle Cefalee e i disturbi del sonno con la presenza del Neurologo e del Nutrizionista. Si susseguiranno poi altri eventi, attualmente “work in progress”.

Cosa si intende con il termine Menopausa? È l'evento fisiologico che avviene nella donna e corrisponde al termine del ciclo mestruale e dell'età fertile. La maturazione follicolare a livello ovarico cessa e con essa la produzione estrogeni (ormoni femminili principali). La diagnosi di menopausa è una diagnosi retrospettiva, si può affermare che una donna è in menopausa dopo un anno dall’ultima mestruazione. La menopausa è preceduta da un periodo di transizione che è definita perimenopausa è va dalle prime irregolarità mestruali ad un anno dall’ultima mestruazione.

In questo periodo, a causa di uno sbilanciamento tra gli ormoni prodotti dall’ovaio, si può andare incontro ad un iperestrogenismo assoluto o relativo che può causare abbondanti mestruazioni e patologie endometriali e che quindi può richiedere particolari controlli e terapie. Esistono due tipi di menopausa: la menopausa fisiologica e quella iatrogena, cioè causata dall’azione del medico, che si distingue in chirurgica (ovariectomia bilaterale) e farmacologica. Sono, quindi, gli estrogeni a promuovere la formazione dei caratteri sessuali secondari femminili, come il seno, l'allargamento del bacino e sono coinvolti nella proliferazione dell'endometrio e in diversi fenomeni del ciclo mestruale.

Uno dei problemi caratteristici con cui si devono confrontare molte donne in menopausa è quello dell'osteoporosi: patologia causata dalla perdita di massa ossea e dalla diminuzione della resistenza dell’osso. Tra i fattori coinvolti nella patogenesi si riconoscono quelli nutrizionali, metabolici, genetici e prima di tutto fattori ormonali quali l’ipoestrogenismo che caratterizza la menopausa ed è la principale causa dell’osteoporosi primaria. È, così, ormai dimostrata la stretta relazione causale esistente tra carenza di estrogeni (tipica appunto della menopausa) e accelerata perdita di osso.

Si tratta, in sintesi, di un progressivo processo di demineralizzazione della struttura scheletrica con conseguente ridotta densità della massa ossea ed aumento del rischio di fratture. Le principali cause di questa patologia sono la perdita di calcio e sali minerali. Colpisce solitamente i soggetti di sesso femminile. Il principale fattore dell'osteoporosi primaria post-menopausale è il calo della produzione di estrogeni che favorisce una prevalenza del processo di distribuzione su quello di ricostruzione. In caso di menopausa precoce, naturale o chirurgica, si iniziano i tempi di inizio di perdita dei minerali ossei. Le parti più coinvolte dal processo osteoporotico possono andare incontro a fratture spontanee o causate da traumi anche lievi. L'eventuale presenza di osteoporosi può essere indagata tramite esami che misurano la densità ossea. La tecnica generalmente più utilizzata è denominata metodo Dexa, un tipo di analisi utile in fase preventiva.

Ma non basta, ad interessare le donne in menopausa è anche la malattia venosa cronica. Si tratta di una patologia in cui il sangue nelle vene scorre a fatica e ristagna: nel tempo perciò si dilatano ancora di più, assumendo un aspetto tortuoso visibile anche a occhio nudo, accompagnato talvolta da dolore. Sono sostanzialmente le vene del circolo venoso superficiale (dette anche vene varicose) che hanno perso l’elasticità della parete e che sono più dilatate della norma, e le cui valvole non funzionano più correttamente. Prevenire si può, basta adottare sane abitudini di vita o un'opportuna terapia medica e fisica. Ed è proprio sull'esercizio fisico e sulla rieducazione funzionale in menopausa che, secondo gli specialisti, si deve intervenire. Cosa, in sostanza, si può fare per stimola la produzione di osso, prevenire e curare l'osteoporosi? Il consiglio è camminare, fare le scale, andare in bicicletta, optare per una rieducazione posturale singola o di gruppo in palestra e per una riabilitazione personalizzata grazie anche all'idrokinesiterapia che è la terapia del movimento in acqua da eseguire in una vasca con altezze variabili (60-140 centimetri), con temperatura di 32 gradi per sedute di gruppo di massimo tre persone o in alternativa individuali. I fisioterapisti dimostrano che i vantaggi sono notevoli. Si parla di globalità: l’acqua è intorno al corpo; prevenzione: lavoro in scarico evita microtraumi, sovraccarico articolare ed infiammazioni, movimenti più facilitati e controllati; tempestività: la mobilizzazione della zona interessata risulterà essere precoce e facilitata.

Le specialità analizzate nel corso del congresso hanno letteralmente catturato l'interesse della platea che, al termine di ogni relazione, non ha esitato a porre domande a medici e specialisti per fugare ogni dubbio sull'argomento. Per concludere, la menopausa è considerata una fase della vita in cui riscoprirsi e reinventarsi. In questo frangente la prevenzione è un'arma vincente per viverla in salute e benessere. Il ginecologo deve, quindi, concordare con la donna il tipo di terapia fornendo spiegazioni dettagliate, discutendo i possibili effetti collaterali e gli eventuali rischi. La paziente a questo punto deve necessariamente riferire ogni singolo disturbo attribuibile alla terapia, pianificando gli opportuni controlli. È, così, necessario essere consapevole del proprio corpo per poterlo gestire correttamente e in salute.

Comunicato Stampa

Image Gallery